Skype ottiene la funzione di registrazione delle chiamate su Android e altre piattaforme

Skype è in uscita da molto tempo ormai. Esistono alternative molto migliori sulla maggior parte delle piattaforme, come Google Hangouts e Discord. Secondo un rapporto di The Verge, Skype avrà presto una funzione di registrazione delle chiamate su Android insieme ad altre piattaforme. È una funzionalità basata su cloud, quindi puoi farlo praticamente ovunque tu possa usare Skype. Unisce tutti gli schermi condivisi nella chiamata, insieme alle webcam e, naturalmente, all'audio.

Sebbene 15 anni fa tecnicamente supportasse Skype, la registrazione delle chiamate è la prima vera introduzione. Gli utenti che desideravano registrare le loro chiamate su Skype dovevano cercare alternative. Su Android, questo è stato un compito piuttosto difficile anni fa quando la registrazione dello schermo richiedeva il root. Ora è molto più semplice, ma il supporto integrato è ancora migliore. Per motivi di privacy, tutti gli utenti della chiamata verranno avvisati se un utente sta registrando.

Questa nuova funzione di registrazione delle chiamate fa parte del nuovissimo aggiornamento di Skype 8.0, che è stato rilasciato oggi. Presenta un nuovo design simile a un dispositivo mobile sui desktop e supporta menzioni di tipo Twitter e crittografia end-to-end completa. È stato inoltre aggiunto il supporto per le videochiamate 1080p e una videochiamata può contenere fino a 24 persone contemporaneamente. Ora c'è anche una galleria di contenuti multimediali di chat, in cui puoi vedere tutte le tue foto condivise in una conversazione.

Mentre Skype sta chiaramente cercando di tornare sul mercato, è troppo poco, troppo tardi? Le alternative hanno avuto molto tempo per decollare e Microsoft ha iniziato a prestare attenzione al suo servizio VoIP negli ultimi due anni circa. Con l'aggiunta di Skype Insider anche, è chiaro che il servizio non è più sul backburner. Dovremo vedere come sta andando nei prossimi mesi e se il servizio può o no tornare davvero.


Fonte: The Verge