Perché OnePlus sta ancora riuscendo con sviluppatori e appassionati

Sappiamo tutti che OnePlus è un marchio che ha iniziato il suo viaggio attraverso polemiche. OnePlus One è rimasto alla ribalta non solo per l'hardware e il prezzo, ma anche per tutte le affermazioni e le tattiche utilizzate da OnePlus per garantire che il dispositivo diventasse uno degli smartphone più chiacchierati nelle cerchie degli appassionati. È stato un esercizio di marketing online virale e probabilmente hanno avuto successo.

Con OnePlus 2, hanno cercato di adottare un approccio leggermente diverso rispetto a quello che ha funzionato con OnePlus One. Mentre la società ha raddoppiato l'iperbole con il moniker "2016 Flagship Killer", OnePlus ha attenuato le sue tattiche di marketing un tempo socialmente controverse, rinunciando a pratiche come "Ladies First" e il sistema di Invite. Ciò che hanno anche attenuato è stata la facilità di sviluppo del dispositivo, in quanto alcune risorse chiave (come fonti per il sensore di impronte digitali e l'autofocus laser per la fotocamera e il supporto VoLTE) non sono state consegnate alla comunità nei tempi richiesti. Pertanto, la scena di sviluppo del telefono non ha potuto raggiungere i livelli del suo predecessore.

Dopo il Trainwreck di aggiornamento di OnePlus 2, il supporto software è fondamentale per il successo di OnePlus

OnePlus X, sebbene sia un prodotto capace destinato a una nicchia sempre più dimenticata (smartphone a schermo piccolo), è stato piuttosto goffamente immesso sul mercato per una serie di motivi: alcuni legati alle sue dimensioni dello schermo più piccole e quindi alla domanda successiva, e alcuni relativi alla media - al miglior hardware ... alla fine il telefono non potrebbe mai decollare.

E poi è arrivato OnePlus 3. L' attuale ammiraglia del 2016 (pre-3T) ha risolto molti errori con OnePlus 2. Combinato con il miglior SoC di Qualcomm sotto forma di Snapdragon 820, OnePlus 3 era più adatto per l'ammiraglia killer moniker basato sulla sua encomiabile prestazione. Il telefono potrebbe resistere a diversi flagship in termini di hardware generale, alcuni in bilico al doppio del prezzo, e comunque uscire avanti. Ci sono stati alcuni inconvenienti con il dispositivo, come un'esperienza della fotocamera media, ma tali problemi potrebbero essere trascurati quando si considerano il prezzo del telefono e il resto dell'esperienza hardware e software, nonché funzionalità veramente utili come Dash Charge o il dispositivo di scorrimento degli avvisi.

Lettura consigliata: prestazioni di dissezione: ciò che rende OnePlus 3 e 3T eccellenti attori del mondo reale

Qualcosa che OnePlus ha anche migliorato su OnePlus 3 è stata la reattività, la comunicazione e la strategia degli sviluppatori. La società forse temeva di ripetere gli errori che avevano commesso con OnePlus 2, e vedendo come la comunità odiava collettivamente l'atteggiamento di OnePlus nei confronti del dispositivo, ha rivelato una nuova foglia. La società ha iniziato con il piede giusto smantellando definitivamente il sistema di invito criticato per il dispositivo. A ciò è seguita una versione molto rapida dei sorgenti del kernel e dell'albero dei dispositivi per il dispositivo, poche ore dopo il lancio del telefono. Abbiamo anche visto una delle versioni CyanogenMod (non ufficiali) più veloci di sempre. Gli sviluppatori hanno notato che una fonte chiave e un importante punto di vendita mancavano dalle fonti: Dash Charging. OnePlus ha promesso che alla fine questo avrebbe raggiunto gli sviluppatori e ha mantenuto la promessa rilasciando il codice del kernel Dash Charging e i binari proprietari in circa sei settimane dal rilascio del telefono. Non abbiamo ancora raggiunto la risoluzione quando si tratta del problema relativo alla qualità della fotocamera su ROM personalizzate, anche se non è proprio colpa di OnePlus a causa del fatto che open source HAL della fotocamera non è facile come inizialmente pensava Carl Pei. Ad ogni modo, OnePlus ha fatto di tutto per aiutare gli sviluppatori impostando canali di comunicazione con loro e in alcuni casi distribuendo anche unità a loro.

Circa un anno fa, OnePlus ha anche annunciato un cambiamento chiave nel modo in cui ha gestito il software e gli aggiornamenti. OnePlus stava cercando di fondere il suo software cinese UX, HydrogenOS con il suo software globale UX, OxygenOS. Lo scopo principale di questa fusione era quello di combinare entrambi i team sulla stessa tabella di marcia e fornire aggiornamenti software più rapidi a tutti gli utenti, indipendentemente dalla regione. Inizialmente, le persone si chiedevano come questo cambiamento avrebbe plasmato la nuova esperienza OxygenOS, poiché HydrogenOS tendeva a orientarsi verso una UX più luminosa e personalizzata, probabilmente apprezzata dagli utenti in Cina ma che non gli piaceva tanto nel mercato globale dato che era abbastanza rimosso da Stock Android. Tuttavia, come abbiamo visto finora, molti dei cambiamenti in OxygenOS nel corso dell'anno sono stati accettati all'unanimità dagli utenti. Alcune modifiche, come le modifiche al dispositivo di scorrimento degli avvisi, continuano a infuriare alcuni utenti. Ma per la maggior parte, la risposta a OxygenOS è stata positiva in quanto si bilancia tra personalizzazioni e una sensazione Android simile allo stock (al contrario di HydrogenOS, una direzione che avrebbe potuto essere presa da OnePlus).

Il principale punto di forza di OxygenOS dal punto di vista di un appassionato è la divisione degli aggiornamenti tra il ramo Stable e il ramo Open Beta (precedentemente noto come build della community). Tale divisione ha chiaramente diviso le esigenze della comunità degli appassionati da quelle del consumatore medio, consentendo a OnePlus di soddisfare le esigenze di entrambi senza alienare l'altro. Un consumatore medio è molto meno accomodante nei confronti dei bug e aspetterebbe volentieri un prodotto raffinato anziché qualcosa che potrebbe rompersi durante l'uso quotidiano. Un appassionato, d'altra parte, scambia spesso quell'aspettativa di stabilità con la possibilità di provare le ultime funzionalità di sviluppo e sperimentali in questo momento e fornisce feedback per aiutare a plasmare il futuro di tali funzionalità.

L'Open Beta serve essenzialmente come test di ammollo molto lungo. La maggior parte degli altri OEM ricorre a test di ammollo privati ​​prima di iniziare l'implementazione graduale, quindi a volte finisce per sospendere tali implementazioni quando compaiono bug imprevisti. L'adozione dell'approccio Open Beta consente a OnePlus di proteggere un pubblico di tester più ampio, un arco temporale più ampio e casi d'uso più ampi per testare e perfezionare gli aggiornamenti prima di iniziare il loro lancio nel canale stabile. E, a differenza dei tradizionali test di immersione, in realtà fanno uno sforzo per aggiungere continuamente nuove funzionalità.

Gli stessi Open Betas sono diventati molto popolari all'interno della comunità di appassionati. Nonostante non siano considerati se stessi stabili, le build di solito vanno bene per l'uso generale e sono buoni candidati per i conducenti quotidiani per le persone a cui non importa un bug occasionale. Nel corso dell'anno, e per quanto riguarda OnePlus 3 e OnePlus 3T, OxygenOS Open Betas ha svolto attività di test su funzionalità come schermate espanse, firewall dati e risparmiatore dati, modalità di gioco non disturbare, modalità notturna automatica, EIS e qualità della videocamera miglioramenti, visualizzazione ambientale e visualizzazione alzata, blocco app, app parallele e molto altro ancora . Di conseguenza, tuttavia, c'è un significativo ritardo di queste funzionalità che appaiono in Open Betas e che appaiono nella versione Stable, anche dopo che sono state apparentemente perfezionate.

Con il lancio di OnePlus 3T, alcuni erano preoccupati che OnePlus avrebbe ignorato OnePlus 3 per favorire il nuovo dispositivo. Questi sono stati alimentati dalla decisione di OnePlus di interrompere completamente le vendite di OnePlus 3 dopo l'esaurimento delle scorte esistenti nonostante il dispositivo avesse solo circa mezzo anno. Ma come hanno promesso, il supporto software per OnePlus 3 è continuato insieme a OnePlus 3T. Con la fusione di OxygenOS per entrambi i dispositivi in ​​una singola build unificata, entrambi i dispositivi sono diventati essenzialmente lo stesso telefono per quanto riguarda il software. L'approccio di build unificato è stato adottato anche dalla community di sviluppo della ROM personalizzata e la maggior parte delle opere principali presenti nei nostri forum forniscono un unico set di modifiche da applicare indipendentemente dal telefono specifico (3 o 3T), con alcuni pacchetti che discernono come applicare modifiche specifiche quando lampeggia. Quindi, sebbene molte persone considererebbero un aggiornamento semestrale controverso e in gran parte superfluo, incluso me stesso, ha avuto un impatto sul modo in cui la comunità degli sviluppatori ha modellato questi due dispositivi. Un aggiornamento potrebbe aver appena prolungato l'ambito di OnePlus 3 convincendo più persone ad acquistare OnePlus 3T, aumentando a sua volta la base di utenti combinati.

La volontà riscoperta di OnePlus di aiutare gli sviluppatori per fortuna non si è fermata su OnePlus 3 / 3T, anche se hanno avuto alcune battute d'arresto in quanto non hanno sempre rispettato la GPLv2 in tempo. Quando è arrivato OnePlus 5, è arrivato con l'albero dei dispositivi e le fonti del kernel necessarie per avviare le attività di sviluppo proprio all'inizio. Il telefono lo ha seguito con diversi aggiornamenti di OxygenOS che hanno aggiunto funzionalità mancanti come le funzionalità EIS su video 4K e diverse correzioni di bug. OnePlus 5 non ha ancora un programma Open Beta, ma questo cambierà dopo l'aggiornamento di OnePlus 3 / 3T ad Android Oreo.


Cosa succede a OnePlus 3 e 3T dopo Oreo?

Purtroppo, è troppo presto per dire cosa succede quando OnePlus porta Oreo sul 3 / 3T. Android 8.0 sarà l'ultimo aggiornamento della versione principale per questo set di dispositivi di OnePlus, quindi i telefoni dovranno probabilmente fare affidamento sulla community per aiutarla a superare i suoi anni. Ciò non significa che OnePlus 3 / 3T non riceverà alcun aggiornamento oltre a Oreo poiché la dichiarazione di OnePlus lascia aperta la possibilità di aggiornamenti minori e minori.

E l'aggiornamento Oreo sembra essere proprio dietro l'angolo. Il gruppo OnePlus 3 Closed Beta ha già ricevuto il suo primo assaggio di Android Oreo e la società mira a consegnare una build Oreo ai canali Open Beta entro la fine di settembre per OnePlus 3 / 3T e OnePlus 5. Per un cambiare, OnePlus non sta menzionando alcuna scadenza per consegnare Oreo nei canali stabili, preferendo agire solo in fretta e speriamo che le loro azioni parlino da sole.

Ciò che vorremmo sottolineare con questo articolo è che OnePlus come azienda sembra essersi evoluto in un'entità più matura, quella che si rende conto che soddisfare le promesse è importante e che le azioni possono parlare più delle parole. OnePlus 2 è stato pesantemente criticato per essere un classico caso di iperpromissione, compromissione e scarsità di prestazioni, ma l'anno scorso con OnePlus 3, OnePlus 3T e ora con OnePlus 5, la situazione sembra cambiata.

Ciò non significa che OnePlus sia privo di difetti, né che i loro prodotti attuali siano privi di problemi. In effetti, noi di -Sevelopers siamo stati i primi a rompere gli articoli controversi evidenziando diverse carenze. Abbiamo criticato OnePlus 3 e la sua aggressiva gestione della RAM e la calibrazione del display imprecisa nelle build del software Reviewer; a cui OnePlus ha dovuto rispondere con un OTA revisore che ha risolto questi problemi. Al lancio di OnePlus 5 abbiamo rivelato come OnePlus stava manipolando i benchmark per massimizzare i punteggi; a cui OnePlus ha risposto con affermazioni che menzionavano che intendevano mostrare il potenziale di picco del dispositivo e che tali prestazioni sono "naturali" (non siamo d'accordo) oltre che sostenibili e non danneggiano il dispositivo in quanto non sono coinvolti overclocking . Anche il problema della visualizzazione invertita di OnePlus 5 che ha causato lo scorrimento della gelatina è stato documentato e confermato da noi; a cui OnePlus ha risposto che l'effetto visivo è "naturale" e non esiste alcuna variazione negli schermi tra i dispositivi. Abbiamo anche coperto il bug di riavvio 911 su OnePlus 5; OnePlus ha risposto con un rapido aggiornamento OTA di hotfix e ha seguito spiegando la causa del bug e menzionando che hanno lavorato direttamente con Qualcomm per risolvere il problema (che secondo quanto riferito era presente anche su telefoni di altri OEM).

La frequenza e la tempestività delle risposte a queste "controversie" è ciò che differenzia OnePlus del 2015 dalla società post-OnePlus 2; anche se le risposte potrebbero non essere ciò che avremmo voluto che fossero. Nel complesso, il loro team di pubbliche relazioni ha apparentemente fatto un buon lavoro nel rispondere al singhiozzo che la compagnia ha avuto, anche se ha perso alcuni fan lungo la strada. La comunità ha ancora alcuni reclami riportati da OnePlus 2 e OnePlus X, come il fatto che l'aggiornamento Marshmallow per X sia stato ritardato per troppo tempo; e come OnePlus ha fatto marcia indietro sulla propria promessa di consegnare Nougat al loro killer di punta del 2016 dopo aver tenuto i proprietari al buio per diversi mesi.

Ma oltre a ciò, è giusto dire che OnePlus 3 ha segnato la maturità dell'azienda come OEM. E in quanto membri di un sito Web incentrato sulle modifiche del software, è interessante vedere che i loro flagship hanno almeno parzialmente riempito il vuoto lasciato dalla fine del programma Nexus. Tutti i dispositivi OnePlus hanno già ricevuto build Android 8.0 Oreo non ufficiali:

  • OnePlus One: [ROM] [8.0.0_r4] AOSP Oreo per OnePlus One [sperimentale]
  • OnePlus X: Lineage 15.0
  • OnePlus 2: [ROM] [8.0.0_r3] LineageOS-15.0 [OP2] [Alpha] [UNOFFICIAL]
  • OnePlus 3 / 3T: [ROM + Kernel] [non ufficiale] [Unificato] LineageOS 15.0 [8.0.0]
  • OnePlus 5: [SPERIMENTALE] [AOSP] [O] Oreo fatto in casa per OnePlus 5

Quindi non è troppo difficile capire perché OnePlus continui a rimanere una scelta popolare nei nostri forum e perché sta diventando sempre più popolare tra i consumatori tradizionali in diversi mercati (per diversi motivi). La loro capacità di rispondere alla loro comunità vocale ha sicuramente avuto una mano nei loro recenti successi, o almeno, minimizzando i loro recenti passi falsi (e ce ne sono stati molti).